Tel./WatsApp: 345 734 0853 (Mar-Ven 10:00-18:00 / Sabato 11-17)

©2018 by Francesca Casola. Proudly created with Wix.com

Cani geneticamente maltrattati

Non accontentatevi di comprare un cane con pedigree (nel quale, oltre ai i suoi dati generici e quelli di tutta la sua discendenza genealogica fino ad arrivare ai trisnonni, vengono riportati i dati ufficiali per la displasia dell’anca e del gomito), verificate il senso di responsabilità dell'allevatori .

E’ importante fare una ricerca sulle patologie ereditarie e chiedere all'allevatore le prove sanitarie (test del DNA dei cuccioli, la risonanza magnetica dei riproduttori, ..) consigliabili per quella razza, anche se non sono obbligatorie.

In Italia infatti, l’ENCI non obbliga a fare i test e gli esami che esistono per ridurre la diffusione di alcune patologie. La salute,  il benessere del cane e la tutela della razza è lasciata alla deontologia degli allevatori. Gli unici allevatori obbligati a fare alcuni di questi test, sono coloro che hanno deciso responsabilmente di far parte di un albo speciale, quello degli allevatori garantiti (Kennel Club Assured Breeders - KCAB). 

Non vanno acquistati cani geneticamente maltrattati per far si che gli allevatori senza scrupoli smettano di usarli come riproduttori e cessino di vendere cani malati ad ignari acquirenti.

Fonte: Puntata di "Indovina chi viene a cena - Cani di plastica" del 11/11/2018 

"L'inchiesta mostra come ci siano allevatori in regola ma che comunque, al momento della riproduzione, non fanno le dovute verifiche sull'assenza di malattie genetiche per i cani riproduttori, pur sapendo che ciò può far nascere cuccioli malati. Un grande giro di denaro per razze che, a volte, sono selezionate senza criterio."

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now